Vorrei poter buttare fuori alcune delle cose che sono successe in passato e che, forse, sono state la causa del mio abbandono sul blog. Ancora adesso, di tanto in tanto, sogno la casa di via Gropello. Il mio periodo torinese è stato un inferno ma anche un paradiso. Ecco perchè adoro ancora oggi quella città, ed ecco perchè mi manca: perchè mi capiva, perchè vivevamo in una sorta di simbiosi. Se io ero triste, Torino era grigia, se ero allegro, era colorata. Mi sentivo a casa, seppur nelle mille difficoltà che ho affrontato. Ci sono altri mille e mille aspetti che vorrei buttar fuori, ma non lo faccio. Ne parlo, ci rido e li razionalizzo, ma non so perchè, non voglio metterli per iscritto. C’è l’indicente con la focus, c’è l’incidente con la ka e tutto quello che ne consegue. C’è la perdita di un’amicizia a cui tenevo. C’è la morte di una parte di me che semplicemente è andata. Vorrei poter mettere tutto nero su bianco, ma forse non sono ancora pronto per affrontare tutto questo. So di essere passato attraverso prove veramente dure, so di aver superato muri altissimi e di averli sfondati, almeno in parte. Oggi non sono quello che ero all’epoca. Ho rinunciato a tantissime cose e spero che queste rinunce diano un giorno il loro frutto. Stop, per oggi va bene così. se dovessi fermarmi a rileggere le righe che ho scritto, le cancellerei e posticiperei ancora una volta. Un giorno scriverò tutto, lo prometto, ma non oggi! Buona notte a me!

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

UN BRUTTO SOGNO…

Pubblicato in blog, casa, diario, pensieri, Uncategorized | Contrassegnato | Lascia un commento

.. E ANCHE QUEST’ANNO

.. E anche quest’anno, le vacanze le facciamo l’anno prossimo!

..et voilà! Tanto non sono mica esaurito…

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Mai disturbare la “pausa OC” del qui presente Grob… Mi sono magnato la povera venditrice di “pezzi della folletto”….

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento
…So one by one, they turn from me
I guess my friends can’t face the cold
 But why I froze, not one among them knows
and never can be told…
Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Che noia la domenica

Ho quasi voglia di uno shottino…

… che poi “shottino”… Ma che sono tornato ad avere 15 anni? Che schifo…
Forse alla soglia dei 32 (cazzo, ho quasi 32 anni, come diamine è possibile?) sarebbe meglio farmi un Bellini (e si, se avessi prosecco e succo di pesche in casa, me ne berrei uno più che volentieri)

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Boh, esattamente poi non lo so cosa sia. Un periodo un po’ più delle palle, avrò il mestruo, non lo so.

Ogni tanto quasi ho il timore di ricadere nei vecchi atteggiamenti, di quando ero circondato dai casini. Ma la strada che ho fatto è troppa, mi sono lasciato quel periodo alle spalle e non ho intenzione di ricascarci. All’epoca ero un ragazzino fragile e infelice, ora; va beh, ora sono sempre piuttosto fragile e infelice, ma meno, mettiamola così.

Che poi,  mi rendo conto che sto recitando la parte. Lo faccio ormai da anni, il figliolo responsabile e premuroso, il lavoratore indefesso, l’amicone di tutti, la spalla su cui piangere. Regalo sorrisi a destra e sinistra, ma avrei solo voglia di esplodere, di gridare, di flagellare di mazzate chiunque mi si pari davanti; voglia di fare una strage, di annichilire tutti.  Ma non posso, ho addosso ‘sta maschera e non posso togliermela perché questo è l’unico modo che c’è per andare avanti.

Ho fatto veramente tanti, ma tanti sacrifici in questi ultimi anni. Cosa che se gli avessi fatti in altri tempi, a quest’ora probabilmente avrei già due lauree e un lavoro eccezionale. Ma amen, ora la situazione è questa e viviamola per come viene viene, senza più doversi per forza massacrare dentro se le cose non sono come le avrei desiderate; d’altronde si dice che si raccoglie ciò che si semina e se tanto mi da tanto, i frutti prima o poi dovrebbero arrivare. La questione è che poi invece mi giro e vedo gente “che ce l’ha fatta”.. Chi si sposa, chi ha un lavoro decente ed entrate proporzionate, chi sta cominciando a costruirsi un futuro e chi un futuro lo sta consolidando; ripeto, diamo tempo al tempo, ma il tempo mi sta sempre più sfuggendo dalle mani e tutto ciò mi atterrisce. Ho fatto scelte sbagliate, ho procrastinato e non ho saputo cogliere le giuste occasioni per un bel pezzo della mia vita, ma ora che non ho nulla da rimpiangermi, ora che sto dando il 150% di me stesso, da anni, perché non riesco a riscattarmi? Perché non ho ancora avuto modo di fare ammenda per gli errori che ho compiuto?

Boh, saranno solo seghe mentali di un periodo del cazzo.. Passerà anche questa!

Pubblicato in blog, diario, vita | Lascia un commento